Parrucchieri e social: il segreto dei Mi Piace da non prendere
Search

Parrucchieri e social: il segreto dei Mi Piace da non prendere


Dite la verità, se avete la pagina Facebook della vostra attività avete usato tutti i metodi possibili per aumentarne i Mi Piace. Vero??

Invitare tutti gli amici che avete sul vostro profilo personale, anche quelli che abitano a 2000 km da voi.

Si, lo so, viene spontaneo farlo.

Ma oggi vi spiego perchè è fortemente sbagliato ed anche costoso ( si, avete capito bene, costoso, proprio a livello monetario) prendere dei Mi Piace sulla vostra pagina che in realtà non vi servono.

Qualche mese fa, dissi in un post che:

"Una delle motivazioni per avere nuovi Mi Piace, è avere nuovi Mi Piace"

Questa frase un po' incomprensibile non vuol dir altro che spesso si vogliono nuovi Mi Piace semplicemente perchè fa figo averne di più. E solo a questo possono servire, in quest'ottica: io ce l'ho più grossa.

Purtroppo spesso questa visione porta delle problematiche, che ora vi illustro in maniera dettagliata.

Devo fare un piccolo passo indietro, ricordandovi o semplicemente spiegandovi che se per esempio abbiamo una pagina con 100 Mi Piace, non vuole assolutamente dire che, pubblicando un post, lo vedrano 100 persone. Questa è la realtà. Punto.

E allora, quanti la vedono? Diciamo, per dare un'idea, che se la pagina è ben curata e seguita, la percentuale del pubblico attivo potrebbe aggirarsi intorno al 10%.

Quindi su una pagina da 100 Mi Piace, saranno 10 le persone che potrebbero leggere il post che abbiamo appena pubblicato.

Tutto chiaro fin qui?

Continuiamo allora.

Diciamo che noi vogliamo far vedere quel post a tutti i 100 Mi Piace che abbiamo sulla pagina.

Cosa dobbiamo fare? Mettere in evidenza il post sulla pagina ed investire del denare per avere questa sicurezza.

Allora diciamo che con 10 euro investiti sul post, abbiamo la sicurezza che tutti i 100 Mi Piace siano raggiunti dalla nostra comunicazione, che magari è un'offerta imperdibile dedicata ai nostri clienti e ai nostri potenziali clienti.

E qui nasce la domanda fondamentale.

Ma chi sono quei 100 Mi Piace, chi sono quelle 100 persone che hanno cliccato Mi Piace? Da dove arrivano? Chi le ha invitate?

Brivido.

E se, per esempio, 50 sono amici su Facebook che abitano a migliaia di chilometri dalla mia attività?

E se magari altri 20 sono persone che hanno cliccato Mi Piace perchè invitate da me e lo hanno fatto per gentilezza più che per vero interesse vero la mia attività?

E se magari altri 20 li ho avuti da una svendita online di Mi Piace?

Insomma, se quei 100 non sono tutti miei clienti o miei potenziali clienti? Ma soltanto 10 lo sono?

Ecco cosa succede: i 10 euro che ho investito su Facebook vengono indirizzati per il 10% alle persone che davvero volevo puntare ( i 10 clienti o potenziali clienti) mentre il restante 90% vanno verso persone che sicuramente non sono interessate al mio post, alla mia offerta o alla mia attività.

Risultato: spendo malissimo il mio denaro.

Ecco svelato il mistero.

Spendiamo 10 euro e colpiamo le persone interessate con 1 di questi 10 euro, gli altri 9 li buttiamo nel cesso.

Pensateci quando vi viene ancora in testa l'idea di volere più Mi Piace.

I Mi Piace servono, ma devono essere targhettizati, devono cioè essere di persone potenzialmente interessate alla vostra attività. Meglio ancora se già vostri clienti.

Quest'ultimo concetto lo spiegheremo in un prossimo articolo.

Stay Tuned.

#facebook #advertising

0 views

© 2015 by Nicobenz

 

  • Facebook - White Circle
  • Instagram - White Circle
  • YouTube - White Circle

NICOBENZ di Domenico Ambrosecchia, via Cavour 43/C, 20086 Motta Visconti (Milano) Tel. 02 80886705  -  392 3290737 P.IVA 08266740961